Nino non aver paura di tirare il calcio di rigore… Tu ne saresti stato capace?...

Tutti siamo concordi nel dire che, ad  un giocatore del calibro dei nostri nazionali,  per tirare un buon calcio di rigore sono sufficienti freddezza, calma e pensiero positivo.
E allora mi chiedo: ”Come mai anche grandissimi giocatori come Baggio ma anche il tedesco Schweinsteiger  hanno sbagliato il loro tiro in situazioni decisive?”.

I rigori sono una vera e propria guerra di nervi e la sfida viene vinta da chi sa mantenere il focus attentivo e ha un’ottima gestione emozionale. Soprattutto quando si ha di fronte un professionista come Manuel  Neuer che con la sua straordinaria freddezza e l’aiuto dei suoi abili saltelli è riuscito a mettere fuori stato molti dei tiratori di turno; alcuni hanno avuto il bisogno di una rincorsa saltellante infinita oppure di tentare maldestri bluff.  Il saper mantenere la calma e rimanere in uno stato psico-fisico ottimale per l’importante compito che si sta per compiere sono abilità native, ma che possono (e devono) essere allenate!

In ogni sport, anche i grandissimi campioni possono essere preda del “sequestro emozionale”: quella condizione in cui l’emozione diventa così forte da indurre in uno stato di confusione ed impedire l’accesso alla propria memoria e alle proprie conoscenze.

E’ il sequestro emozionale che il più delle volte impedisce anche ad atleti esperti di eseguire al meglio quei gesti atletici che in allenamento vengono espressi in maniera “automatica”. 

Del resto, alzi la mano chi non è mai stato preda della rabbia oppure della pre-occupazione di sbagliare ed è per questo che nello sport  “non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore, un giocatore lo vedi dal coraggio, dall’altruismo e dalla fantasia…”

Seguimi sui Social

Per favore dimostra di essere umano!